Home » Attualità » Incidente Raffineria. Preoccupazione e manifestazioni. Sequestrate altre due cisterne.

Incidente Raffineria. Preoccupazione e manifestazioni. Sequestrate altre due cisterne.

Ai cittadini le rassicurazioni fornite sino adesso dagli esperti dell’Arpa e dai rappresentanti della Raffineria e delle Istituzioni non bastano. Parte la mobilitazione per la tutela della salute pubblica e dell’ambiente. I milazzesi e i residenti dei comuni limitrofi vogliono sapere cosa stanno respirando in queste ore dopo l’incidente che nella notte tra venerdì e sabato ha provocato il vasto incendio alla cisterna Tk 513 dell’impianto di raffinazione. Per sabato 4 ottobre è stata organizzata una manifestazione. Un corteo raggiungerà l’ingresso della Ram. Ieri gli studenti milazzesi hanno pure incontrato il sindaco Carmelo Pino. Chiesti i risultati dei rilievi effettuati dall’Arpa. Scuole chiuse anche oggi nei comuni di Pace del Mela, Gualtieri Sicaminò e Monforte San Giorgio. L’inchiesta giudiziaria prosegue. Nominato un consulente esterno, Antonio Barcellona, docente del dipartimento di ingegneria chimica dell’Università di Palermo. Altre due cisterne sono state sequestrate. I sigilli sono stati apposti sulla 503 e la 505.  F.M.