Home » Cronaca » Il bilancio annuale della Polizia Ferroviaria. Dati in crescita ed attenzione costante

Il bilancio annuale della Polizia Ferroviaria. Dati in crescita ed attenzione costante

PALERMO. I numeri dell’attività svolta nel corso del 2018 dalla Polizia Ferroviaria su tutto il territorio regionale offrono l’idea di quanto sia stata costante la presenze delle forze dell’ordine. L’anno appena trascorso ha visto l’impiego di 9532 pattuglie in stazione e 3783 a bordo treno. Predisposti 1081 servizi antiborseggio in abiti civili, sia negli scali che sui convogli. 41 i soggetti arrestati.  128 le denunciate. Controllate 60590 persone sospette. In questi numeri ci sono anche i dati che riguardano Messina e la sua provincia. Incessante è stata l’attività di contrasto ai furti di rame e all’illegalità diffusa nelle aree ferroviarie attraverso mirate azioni di contrasto predisposte sia direttamente dal Ministero dell’interno che dalle locali Questure. Una task force che ha provveduto a 168 controlli ai centri di raccolta e recupero metalli, in 2774 servizi di pattugliamento delle linee ferroviarie ed in 219 servizi di controllo su strada per un totale di 1327 veicoli sospetti sottoposti a verifiche. Recuperati  oltre 1050 kg  del cosiddetto “oro rosso”.  2900 kg di altro metallo e 2580 Kg di rifiuti ingombranti, tutto di provenienza illecita. Sequestrate diverse attività illegali riconducibili al trattamento dei rifiuti. Inoltre, nel 2018, sono state rintracciate 28 persone scomparse, 25 i minori. Garantito anche il progetto “Train…to be cool”. La Polfer ha incontrato gli studenti di diverse scuole siciliane, allo scopo di sviluppare la cultura della sicurezza in ambito ferroviario, attraverso la conoscenza e l’applicazione delle regole. Attività articolata anche in numerosi eventi di piazza promossi dalle Questure ma anche dai Comuni e da comitati civici.  7500 giovani raggiunti dall’iniziativa. Prevenzione, controllo del territorio e repressione delle illegalità saranno, anche per il 2019, al centro dell’attività della Polfer senza snaturare la propria natura di essere, come prima vocazione, polizia di prossimità, vicina alla gente.