Home » Primo piano » Il nuovo corso della Chiesa messinese. Si è insediato mons. Giovanni Accolla

Il nuovo corso della Chiesa messinese. Si è insediato mons. Giovanni Accolla

Mons. Giovanni Accolla si è insediato alla guida dell’Arcidiocesi di Messina, Lipari e Santa Lucia del Mela. Un nuovo corso inizia per la Chiesa messinese, che dall’ottobre del 2015 è stata retta da due amministratori apostolici. Papa Francesco sembra aver scelto la persona giusta per guidare una realtà ecclesiale complessa, ma al tempo stesso, ricca di doni e risorse. Le dimissioni di mons. La Piana sono ormai un ricordo. Il neo Arcivescovo, accompagnato dalla neve, è stato accolto in piazza Duomo dal sindaco, Renato Accorinti, il quale ha rivolto il saluto della città. “Ti aspettavamo” – ha detto il primo cittadino – “Messina ha bisogno di una guida spirituale”. Mons. Accolla ha subito sottolineato che “Nel rispetto delle diverse competenze e dei diversi ruoli, sono sicuro che il nostro comune intento è di servire la gente, a cominciare dai più poveri, dai più disagiati.
Sentiamo questo tempo come un tempo che ci stimola fortemente ad essere all’altezza di grandi sfide: tra queste, sento urgente la sfida di una cultura della dignità della persona.” In cattedrale ha poi preso inizio il rito con il bacio del crocifisso, la lettura della nomina da parte del cancelliere arcivescovile, mons. Pietro Aliquò, e la presa di possesso della cattedra. A seguire la celebrazione eucaristica. Durante l’omelia l’Arcivescovo ha comunicato ai fedeli quanto detto da Papa Francesco durante l’udienza avuta in Vaticano. “Coraggio, coraggio, incontra la gente”. “Insieme, ripeto insieme, riscopriamo con gioa la chiamata del Signore: vivere con fedeltà la missione ad essere suoi servi, “ Servi di Jahvè”; umili, docili e fermi, per ristabilire la giustizia, per generare comunione, per testimoniare la presenza di Gesù “luce del mondo”, luce nuova che brilla nelle tenebre, sapendo di essere guidati per mano da Lui.” Infine dopo la lettura e la firma del verbale di insediamento non è mancato il ringraziamento, commosso e sincero, a mons. Benigno Luigi Papa.