Home » Territorio » Entro oggi l’ultima rata Tares. Polemici i cittadini: “Immondizia non raccolta in periferia”
IMG_3280

Entro oggi l’ultima rata Tares. Polemici i cittadini: “Immondizia non raccolta in periferia”

Oggi l’ultimo giorno per pagare la terza ed ultima rata della Tares, la tassa sui servizi e sui rifiuti. Tributo relativo all’anno 2013 e versato da privati e titolari di esercizi commerciali al Comune di Messina. Ente, che tramite la società Messinambiente, dovrebbe gestire la raccolta dell’immondizia dalle strade urbane. Ma proprio in occasione della scadenza del pagamento, scatta una nuova emergenza rifiuti. O meglio, sono proprio i cittadini che lamentano l’ingiustizia di un tributo non corrisposto da un adeguato servizio.La rimozione della spazzatura, osservando la città, viene effettuato solo nelle vie principali lasciando scoperte le aree periferiche. Segnalazioni e lamentele soprattutto nei villaggi della zona sud. A Larderia, ad esempio, secondo i residenti,  i cassonetti non verrebbero  svuotati da circa 10 giorni, ostruendo il passaggio davanti alla scuola elementare di Larderia Inferiore e nei pressi dell’ufficio postale. Situazione simile anche in altre località collinari o meno centrali, dalla riviera sud  a quella nord. Raccoglitori stracolmi di materiali, sacchi accatastati nelle strade, cattivi odori e gravi condizioni igienico sanitarie nei luoghi abitati. Un panorama di degrado che suscita il malcontento della popolazione, obbligata a pagare le tasse per i regolari servizi pubblici che però non vengono svolti in maniera ordinaria, né equamente  in tutto il territorio cittadino.

2 commenti

  1. Intanto complimenti per il nuovo sito.
    A proposito dell’articolo sulla Tares, ci sono zone della città dove non si fa raccolta rifiuti da mesi e mesi!!!
    Perché bisogna pagare per un servizio non reso?

Lascia un commenti

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicatoI campi contrassegnati sono obbligatori *

*