Home » Attualità » Festival di Sanremo, 71° edizione: Pino Arena seguirà la kermesse canora per Radio Amore

Festival di Sanremo, 71° edizione: Pino Arena seguirà la kermesse canora per Radio Amore

Mancano poche ore all’ inizio del 71° Festival di Sanremo e come sempre Radio Amore sarà presente alla più importante kermesse canora italiana. A seguire il Festival dalla postazione online di casa, nel rispetto delle norme anti-covid, sarà il nostro referente Pino Arena che ci racconterà giorno per giorno le dinamiche di questo insolito Sanremo.

In attesa dell’ inizio della prima serata arrivano già le prime variazioni: a causa infatti di un tampone positivo per uno dei componenti dello staff di Irama, in attesa del risultato del molecolare, stasera si esibirà Noemi al suo posto.
Ad aprire la serata ci sarà la gara delle nuove proposte: i 4 Artisti che si sfideranno stasera sono, in ordine di esibizione: Gaudiano, Elena Faggi, Avincola e Folcast.

Le canzoni della “categoria giovani” saranno votate dalla Giuria Demoscopica (per il 33%), dalla Giuria della Sala Stampa (per il 33%) e dal pubblico tramite Televoto (per il 34%). I primi due che si classificheranno saranno i brani che accederanno alla quarta serata, durante la quale andrà in scena la finale della sezione Nuove Proposte.

Passando ai big in gara, in ordine di esibizione ascolteremo per come comunicato oggi in conferenza stampa: Arisa, Colapesce Dimartino, Aiello, Francesca Michelin e Fedez, Max Gazzé e la Trifluoperazina, Noemi, Madame, Måneskin, Ghemon, Coma_Cose, Annalisa, Francesco Renga, Fasma.

Stasera sul palco dell’Ariston durante la serata, Amadeus insieme al suo compagno di avventura Fiorello, renderanno omaggio al dj Claudio Coccoluto, scomparso oggi all’ età di 59 anni. Ospiti d’onore della serata saranno Loredana Bertè e Diodato vincitore della passata edizione con la canzone “Fai Rumore”.

Un Sanremo voluto fortemente da Amadeus e dalla Rai, come detto dallo stesso Direttore artistico e presentatore della Kermesse canora per il secondo anno consecutivo, in occasione dell’inaugurazione di Casa Sanremo.
Un Festival che sicuramente rimarrà nella storia, senza pubblico in teatro, senza red carpet, senza eventi collaterali, senza gente davanti al Teatro Ariston che si accalca per vedere il loro artista preferito, cercando magari di strappare al volo una foto o un autografo. Bar, pub, ristoranti e locali chiusi soprattutto nelle ore serali. Una città dei fiori dove si respira un’aria tutt’altro che da Festival. Un Sanremo insolito per il rigido protocollo sanitario adottato per la sicurezza degli artisti in gara (che avranno regole da seguire e accessi differenziati in modo da non incontrarsi tra di loro)  e per tutte le maestranze impegnate.